XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo

Sicurezza e immunogenicità del vaccino tau AADvac1 nei pazienti con malattia di Alzheimer


La patologia neurofibrillare composta dalle proteine tau è un correlato principale della disfunzione cognitiva nei pazienti con malattia di Alzheimer.
L'immunoterapia che punta alle proteine ​​tau patologiche è quindi una strategia promettente per il trattamento modificante la malattia della malattia di Alzheimer.

È stato sviluppato un vaccino attivo, AADvac1, contro le proteine ​​tau patologiche ed è stato valutato in uno studio di fase 1.

È stato fatto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di AADvac1 con una estensione di 12 settimane in aperto in pazienti di età compresa tra 50 e 85 anni con malattia da Alzheimer da lieve a moderata in 4 Centri in Austria.
I pazienti sono stati assegnati a ricevere AADvac1 oppure placebo.

I pazienti hanno ricevuto 3 dosi sottocutanee di AADvac1 oppure placebo da kit vaccinali a intervalli mensili e sono entrati nella estensione in aperto, in cui tutti i pazienti sono stati assegnati al trattamento con il vaccino AADvac1 e hanno ricevuto altre 3 dosi a intervalli mensili.

L'endpoint primario era rappresentato da tutti gli eventi avversi emergenti dal trattamento, con analisi separate per reazioni a livello del sito di iniezione e per altri eventi avversi.
Sono stati inclusi tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di AADvac1 nella valutazione di sicurezza.

I pazienti che hanno avuto una titolazione IgG positiva contro la componente peptide tau di AADvac1 almeno una volta nello studio sono stati classificati come responder.

Lo studio è stato effettuato tra il 2013 e il 2015. 30 pazienti sono stati assegnati casualmente nella fase in doppio cieco: 24 pazienti al gruppo AADvac1 e 6 al gruppo placebo.
In totale 30 pazienti hanno ricevuto AADvac1. Due pazienti si sono ritirati a causa di gravi eventi avversi.

Gli eventi avversi più comuni sono state le reazioni al sito di iniezione dopo la somministrazione ( riportata in 16 pazienti vaccinati, 53%, 92 eventi individuali ).
Nessun caso di meningoencefalite o edema vasogenico si è verificato dopo la somministrazione.
Un paziente con microemorragie preesistenti ha manifestato nuove microemorragie.

Su 30 pazienti trattati con vaccino AADvac1, 29 hanno sviluppato una risposta immunitaria IgG.
È stato raggiunto un titolo anticorpale medio IgG di 1:31415.
I valori basali di linfociti CD3+ e CD4+ sono risultati correlati con i titoli anticorpali ottenuti.

Il vaccino AADvac1 ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole ed ottima immunogenicità in questo primo studio.
Sono necessarie ulteriori prove per corroborare la valutazione della sicurezza e per stabilire la prova di efficacia clinica di AADvac1. ( Xagena2017 )

Novak P et al, Lancet Neurology 2017; 16: 123-134

Neuro2017 Farma2017


Indietro