Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

I biomarcatori nel liquido cerebrospinale di neuroinfiammazione e disfunzione cerebrovascolare nella malattia di Alzheimer precoce


Sono stati misurati i livelli di biomarcatori nel liquido cerebrospinale ( CSF ) che riflettono l'attivazione di microglia e astrociti, neuroinfiammazione e cambiamenti cerebrovascolari e sono state studiate le associazioni con i principali biomarcatori di malattia di Alzheimer ( beta-amiloide [A-beta ] e tau ), correlati di imaging strutturale e progressione clinica della malattia nel tempo.

Lo studio comprendeva anziani cognitivamente integri ( n=508 ), pazienti con decadimento cognitivo lieve ( MCI, n=256 ) e pazienti con demenza da malattia di Alzheimer ( n=57 ) della coorte longitudinale svedese BioFINDER.

Campioni di liquido cerebrospinale sono stati analizzati per YKL-40 ( proteina 1 simil-chitinasi-3 ), interleuchine ( IL-6, IL-7, IL-8, IL-15 ), IP-10 ( proteina indotta da interferone gamma ), MCP-1 ( proteina 1 chemoattrattante dei monociti ), ICAM-1 ( molecola di adesione intercellulare di tipo 1 ), VCAM-1 ( molecola di adesione vascolare di tipo 1 ), PlGF ( fattore di crescita placentare ) e Flt-1 ( tirosin-chinasi 1 FMS-correlata ).

I dati di risonanza magnetica erano disponibili per 677 partecipanti allo studio. Le valutazioni cliniche longitudinali sono state condotte in individui di controllo e pazienti con decadimento cognitivo lieve ( follow-up medio di 3 anni ).

I livelli nel liquido cerebrospinale di YKL-40, ICAM-1, VCAM-1, IL-15 e Flt-1 sono risultati aumentati durante gli stadi preclinici, prodromici e di demenza della malattia di Alzheimer.
Alti livelli di questi biomarcatori erano associati a livelli aumentati nel liquido cerebrospinale di tau totale, con associazioni, specialmente per YKL-40, che erano più forti negli individui A-beta-positivi.

I risultati sono stati simili per le associazioni tra tau fosforilato e YKL-40, ICAM-1 e VCAM-1.

Alti livelli di biomarcatori erano anche associati all'assottigliamento corticale ( principalmente nel precuneo e nelle regioni parietali superiori ) e al successivo deterioramento cognitivo nei pazienti senza demenza misurati con la scala MMSE ( Mini-Mental State Examination ) ( YKL-40 ) e la scala CDR-SOB ( Clinical Dementia Rating Sum of Boxes ) ( YKL-40, ICAM-1, VCAM-1 e IL-15 ).

Infine, livelli più elevati nel liquido cerebrospinale di YKL-40, ICAM-1 e Flt-1 hanno aumentato il rischio di sviluppare demenza di Alzheimer nei pazienti senza demenza.

La neuroinfiammazione e la disfunzione cerebrovascolare sono eventi precoci che si verificano già in fasi presintomatiche della malattia di Alzheimer e contribuiscono alla progressione della malattia. ( Xagena2018 )

Janelidze S et al, Neurology 2018; 91: e867-e877

Neuro2018



Indietro