Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Sicurezza ed efficacia del Losartan per la riduzione dell'atrofia cerebrale nella malattia di Alzheimer diagnosticata clinicamente: studio RADAR


I farmaci che modificano la segnalazione dell'angiotensina II potrebbero ridurre la patologia della malattia di Alzheimer, diminuendo così il tasso di progressione della malattia.
Si è studiato se l'antagonista del recettore dell'angiotensina II Losartan ( Lortaan ), rispetto al placebo, possa ridurre la perdita di volume cerebrale, come misura della progressione della malattia, nella malattia di Alzheimer da lieve a moderata diagnosticata clinicamente.

In questo studio in doppio cieco, multicentrico, randomizzato e controllato, pazienti eleggibili di età pari o superiore a 55 anni, non-trattati in precedenza con farmaci diretti contro angiotensina II e diagnosticati ( National Institute of Neurological and Comunicative Disorders and Stroke [ NINDS ] e Alzheimer's Disease and Related Disorders Association [ ADRDA ] ) con malattia di Alzheimer da lieve a moderata, e che avevano la capacità di acconsentire, sono stati reclutati da 23 enti ospedalieri del National Health Service del Regno Unito.

Dopo aver subito una fase in aperto di 4 settimane di trattamento attivo e poi washout, i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a preparazioni orali di 100 mg di Losartan ( dopo una fase iniziale di titolazione a 2 dosi ) oppure a placebo, mediante somministrazione giornaliera per 12 mesi.

La randomizzazione, è stata minimizzata per età e punteggio basale dell'atrofia del lobo temporale mediale. L'esito primario, analizzato secondo il principio intention-to-treat ( i partecipanti analizzati nel gruppo a cui sono stati destinati, senza imputazione per i dati mancanti ), era il cambiamento nel volume dell'intero cervello tra il basale e 12 mesi, misurato mediante risonanza magnetica volumetrica e determinato dall'analisi dell'intervallo di spostamento del limite ( BSI ).

Tra il 2014 e il 2018, 261 partecipanti sono entrati nella fase in aperto. 211 sono stati assegnati in modo casuale a Losartan ( n=105 ) oppure a placebo ( n=106 ).
Dei 197 partecipanti ( 93% ) che hanno completato lo studio, 171 ( 81% ) avevano dati completi sugli esiti primari.

La riduzione del volume cerebrale ( BSI ) medio è stata di 19.1 ml nel gruppo Losartan e di 20.0 ml nel gruppo placebo.
La differenza nella riduzione del volume totale tra i gruppi è stata -2.29 ml ( P=0.14 ).

Il numero di eventi avversi è stato basso ( 22 nel gruppo Losartan e 20 nel gruppo placebo ) senza differenze tra i gruppi di trattamento.

Si è verificato un decesso correlato al trattamento per gruppo di trattamento.

Losartan per 12 mesi di trattamento è stato ben tollerato, ma non è stato efficace nel ridurre il tasso di atrofia cerebrale in soggetti con malattia di Alzheimer da lieve a moderata diagnosticata clinicamente.
Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare il potenziale beneficio terapeutico di un trattamento precedente in pazienti con decadimento cognitivo più lieve o di periodi di trattamento più lunghi. ( Xagena2021 )

Kehoe PG et al, Lancet Neurology 2021; 20: 895-906

Neuro2021 Farma2021


Indietro